Domani sarà un bel giorno. Il blog SunMagazine vedrà per la prima volta la luce e, attraverso il lancio di questo nuovo canale di comunicazione, concluderemo la realizzazione di un primo ciclo di idee a cui abbiamo lavorato per mesi, con l’obiettivo di dare un’identità digitale a SunCity e mettere radici nel mondo dei social media.
Il compito non era semplice né scontato. Non avevamo punti di riferimento né esempi da seguire nel mondo del green marketing e, quando abbiamo iniziato questo viaggio, abbiamo camminato al buio, cercando di accendere la luce grazie all’intuizione.

I motivi delle difficoltà nascono quando si vuole rendere “commerciale” un settore che non lo è, proponendo una comunicazione che sia alla portata di tutti. La nostra è una neonata impresa innovativa che opera nel settore delle energie rinnovabili: un viaggio che comincia in salita. Non vendiamo pannelli fotovoltaici, non produciamo inverter né altro. Non vendiamo. Siamo consulenti e offriamo servivi di efficientemento energetico per imprese e famiglie. Per noi il risparmio in bolletta è facilmente ottenibile grazie a un cambio di rotta che rispetta dell’ambiente, che dà vita a una società intelligente e a una comunità fondata sull’autonomia e lo scambio. Tutti coloro che ci incontrano, che inizialmente pensavano di trovarsi di fronte a dei venditori, finiscono col dire “ma è geniale!”. Con nostra grande soddisfazione.

Il nostro lavoro è proprio questo: metterci di fianco alle persone, comunicare con loro e trasmettere tutte quelle informazioni preziose per guidarle verso scelte consapevoli, migliorare i rendimenti dei loro consumi e del benessere negli ambienti di vita e di lavoro. Ma oltre a questo, il nostro lavoro è fatto anche di alcuni problemi legati al pregiudizio nei confronti delle rinnovabili, che tutto il settore subisce a causa delle speculazioni che qualcuno ha azzardato, improvvisandosi operatore dai risultati discutibili, oppure a causa dell’incertezza normativa italiana.
La nostra sfida principale, in questo senso, si chiama da sempre “fiducia”: per ottenerla, abbiamo deciso di aprirci completamente all’esterno e farci conoscere per ciò che siamo. SunCity ha inoltre il vantaggio di avere in casa manager d’eccellenza che operano consapevolmente da molti anni nel green business e nell’ingegneria energetica, sia in Italia che all’estero, pionieri in realtà aziendali di successo nel campo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica di credibilità internazionale.

E quali sono oggi le migliori scelte strategiche che ci potevano aiutare a comunicare chi siamo, ad arrivare alla gente con le nostre proposte, se non quelle che ci permettono di costruire la nostra presenza sul web?
Possiamo dire di essere felicemente riusciti ad arrivare in cima alla montagna e che, dopo aver costruito un apparato di strumenti di condivisione grazie a Facebook, Twitter e Linkedin, dopo aver iniziato a sperimentare la content curation con Pinterest e avviato il primo storytelling d’azienda con Instagram, ora il nostro progetto editoriale ci accompagnerà vero la nuova stagione digital dell’impresa, durante la quale chiameremo i professionisti del settore a costruire insieme a noi una community del green business, e partecipare attivamente ai progetti che ci aspetteranno a partire dal prossimo settembre.

Nella sezione “Chi siamo” scoprirete chi c’è dietro SunMagazine, qual è il suo piano editoriale e quali firme potete aspettarvi di trovare, dove vi abbiamo lasciato un invito aperto a partecipare alla discussione.
Per adesso abbiamo scelto di vestire questo blog con un abito un po’ vintage, che ricordi una rivista ma che sia allo stesso tempo un hub per tutta la nostra comunicazione online. Continueremo a sperimentare, a cercare soluzioni per migliorare l’esperienza di navigazione sul sito, raccoglieremo i vostri feedback per personalizzare la lettura dei post. Quindi i lavori su grafica e design dei contenuti restano in atto, potete aspettarvi (o suggerirci) cambiamenti.

Ci auguriamo intanto che il blog cresca nella migliore direzione per tutti noi e che diventi un punto di ritrovo per il confronto, la conoscenza e l’ispirazione di chi ama costruire il presente, piuttosto che speculare sul futuro.
Benvenuti.